DOLPHIN HUNTERS
I CACCIATORI DI DELFINI DELLE ISOLE SOLOR
gallery/dolphin (1)
gallery/dolphin (12)
gallery/dolphin (15)
gallery/dolphin (18)
gallery/dolphin (23)
gallery/dolphin (3)
gallery/dolphin (5)
gallery/dolphin (6)
gallery/dolphin (7)
gallery/dolphin (8)

Nonostante la legislazione vieti l' uccisione di delfini e balene, vengono ancora catturati piccoli cetacei nell'arcipelago delle Solor, in Indonesia. 
Nell'arcipelago, gli abitanti dei piccoli villaggi cacciano mante e delfini per fornire cibo all'intero villaggio, essi si impegnano a rispettare antiche credenze, tabù e tradizioni svolgendo la caccia su imbarcazioni semplici e tradizionali.


La caccia  è ancora fatto su barche di legno tradizionali molto fragili , chiamate “peledang”. Queste sono guidate dai 7 ai 14 timonieri, rematori e ramponiere , dove a ciascuno è assegnata le sue funzione speciale.


Il più agile della squadra chiamato “Lamafa” o “Balafaing” sta a prua pronto con un arpione spinato.
Il compito del Lamafa è il più difficile, esso infatti deve mantenere l'equilibrio contrastando le onde seguendo allo stesso tempo l andamento del delfino e scegliere il tempo giusto nel lanciare l'arpione.
A volte il Lamafa salta giù sul arpione stesso in modo da dare il suo peso aggiuntivo.


Quando una delfino viene avvistato, incomincia l'inseguimento; la bravura del timoniere sta nel trovarsi con la prua vicino al delfino quando questo riemergerà; in giorni di maggior fortuna la barca deve semplicemente seguire il branco.  


Recentemente gli abitanti del villaggio hanno attrezzato le loro barche a remi con motori rendendo la caccia un po' meno tradizionale.
Anche se alcuni delfini verranno mangiati , molti di questi finiscono di nuovo al gancio , come esca per gli squali.


I delfini sono una specie protetta in Indonesia e non esenti dal divieto internazionale delle Nazioni Unite sulla caccia commerciale.

Project M Photo: The New Photography Agency