UNA VOLTA ERANO GUERRIERI
I KONYAK, GLI ULTIMI CACCIATORI DI TESTE
gallery/1
gallery/10
gallery/11
gallery/3
gallery/13
gallery/14
gallery/2
gallery/4
gallery/6
gallery/8

I Konyak sono una tribù Naga che vive sulle montagne al confine tra India e Birmania, sono riconosciuti fra le altre tribu Naga dai loro tatuaggi facciali.

 

Conosciuti come cacciatori di teste del Nord Est, nel passato erano temuti e chiamati “guerrieri”, spesso essi attaccavano i villaggi di altre tribù e prendevano le teste dei guerrieri rivali caduti come trofei da appendere nel Morong (la casa comunale). Il numero di teste indicava la potenza di un guerriero.

 

Si credeva che prendendo la testa di un nemico come trofeo, si prendesse il suo potere e la sua anima, ma anche per garantire la fertilità dei campi e delle persone .
Come un marchio onorario un giovane guerriero Konyak avrebbe ricevuto un tatuaggio  sul volto, quando portava al re la testa di un nemico;

 

Il tatuaggio sul petto invece è assai più raro tra i guerrieri Konyak poichè indicava un alto privilegio sociale e solo i migliori e i più valorosi guerrieri potevano indossarlo.

 

I Konyak erano animisti , veneravano gli elementi della natura, fino a quando i missionari cristiani arrivarono nel tardo 19° secolo.
Le tribù Konyak hanno resistito alla cristianizzazione ed alla modernizzazione più a lungo rispetto alla maggior parte delle altre tribù Naga.

 

Andare a “caccia di teste” era una pratica comune fino alla cristianizzazione che pose fine a questa tradizione. Anche se alcuni episodi sporadici di “caccia di teste” avvennero fino alla fine degli anni '60 .
Per la fine del 20° secolo, oltre il 90 % della tribù aveva accettato il cristianesimo come loro religione.
Durante i giorni di cacciatori di teste della tribù, i teschi dei nemici catturati venivano esposti in maniera visibile, ma una volta che questa pratica è stata abolita, i teschi sono stati rimossi dal villaggio e sepolti.

 

Molti degli uomini Konyak oggi sono dipendenti dall'oppio, la droga venne introdotta nell'area dal Raj Britannico nel tentativo di “calmare” la tribù.

Project M Photo: The New Photography Agency